Ultimi articoli

  • Il biglietto per Iscià

    Di fronte a Napoli ci sono le isole di Procida, Capri, e… «Iscià». O almeno è quello che potreste sentire se siete in coda al porto per comprare il biglietto di traghetto dietro a una coppia di turisti francesi. È successo l’ultima volta che sono andato a Procida: «Bongiornò due bilieti per Iscià per favoré». […]

  • La scuola in Italia e in Francia

    La scuola in Italia e in Francia è simile, ma c’è qualche differenza nei vari periodi. […]

  • Sapere come pronunciare una parola italiana

    Quando si impara una nuova parola, serve anche conoscere la sua pronuncia. […]

  • Caos calmo

    Ho letto «Caos calmo» di Sandro Veronesi, La nave di Teseo (2016, 491 p.). È il libro che ha vinto il premio Strega nel 2006. La storia è molto calma, appunto: nonostante la lunghezza del libro, non ci sono grandi vicende. Quasi tutto il libro si svolge nello stesso posto, cioè davanti alla scuola della figlia del narratore. […]

  • Difficoltà

    Questo post è un ricordo per il futuro io. È un elenco delle difficoltà che ho in italiano in questo momento, e quindi delle cose su cui devo lavorare. […]

  • Comprare libri in italiano a Parigi

    Per chi vuole leggere in italiano a Parigi, ci sono vari soluzioni. […]

  • Il merlo sul balcone

    Senza sorpresa, la fauna urbana a Parigi non è molto ampia. Gli uccelli che si vedono di più sono i pigioni, gabbiani e passeri. I corvi e altre specie si incontrano anche ma raramente fuori degli spazi verdi. […]

  • Il prezzo unico dei libri

    In Francia, la legge Lang del 1981, soprannominata «Legge sul prezzo unico del libro», impone che l’editore decidi del prezzo di un libro e lo indica sulla copertina. Prima degli anni 1970, gli editori raccomandavano un prezzo, e la maggior parte dei rivenditori lo rispettavano. […]