Le parole italiane in francese sono tante, sopratutto negli ambiti del cibo, della musica e del cinema.

Ecco alcune che sono “sbagliate” rispetto all’italiano:

  • “bravo!”: in francese, “bravo” si usa solo come interiezione ed è invariabile. Se un’amica supera un esame difficile, le diciamo “bravo!” invece di “brava!”.
  • “ciao!”: come in spagnolo, in francese “ciao” si usa solo nel senso di “arrivederci”, mai come equivalente di “salve” o “buongiorno”.
  • “Nutella”: in francese, la Nutella è maschile: “le Nutella”.
  • “Soprano”: il soprano essendo una femmina, la parola è femminile in francese: “la soprano”.

In francese, il plurale si forma di solito con una “s” alla fine della parola. Alcune parole italiane usate in francese sono però già al plurale, ma facciamo come se fossero singolare: “un spaghetti, des spaghettis”, “un paparazzi, des paparazzis”. Anche le parole singolari usano la “s” al plurale: “un risotto, des risottos”.